Che taglia di berretto indosso

Fattori che influenzano la dimensione del cappuccio

Quando acquisti un berretto, la taglia è un fattore importante da considerare. Diversi produttori utilizzano scale di taglie diverse e le informazioni sulle taglie potrebbero non essere immediatamente disponibili sulla pagina del prodotto. Pertanto, la scelta della taglia giusta richiede alcune ricerche. Alcuni dei fattori che influenzano la taglia sono il tipo di berretto, la forma e la circonferenza della testa, la dimensione dell’orecchio e lo stile del berretto.

Innanzitutto bisogna tenere conto del tipo di cap. Gli snapback sono generalmente regolabili, rendendo la taglia di questi cappelli più tollerante. Mentre i pannelli da 5 in genere hanno un’opzione di taglia unica mentre altri possono essere disponibili in dimensioni come piccola – media – grande. I cappelli da camionista in genere sono disponibili in taglia unica, ma hanno la parte posteriore regolabile che li rende una delle opzioni più tolleranti in termini di taglia.

In secondo luogo, quando si sceglie la taglia è necessario tenere conto della forma e della circonferenza della testa. La forma generale e la dimensione della testa sono determinanti nel determinare la dimensione ottimale del cappuccio. Generalmente, secondo la World Cap Sizing Scale, la circonferenza tipica della testa è di 56 – 59 cm utilizzando un metro a nastro posizionato attorno alla testa. Se la misura è sbagliata anche di un paio di centimetri, il berretto potrebbe non adattarsi correttamente.

In terzo luogo, anche la dimensione delle orecchie deve essere presa in considerazione quando si sceglie la taglia della cuffia. Alcuni cappucci sono progettati per adattarsi alla parte posteriore delle orecchie e andare verso l’alto fino alla corona. Questo tipo di berretto potrebbe essere scomodo per chi ha le orecchie grandi e la taglia potrebbe non adattarsi correttamente.

Infine, anche lo stile del berretto può influenzare la taglia. Ad esempio, alcuni snapback e 5 pannelli sono progettati per essere posizionati leggermente sopra le orecchie, mentre altri sono progettati per adattarsi perfettamente alla testa. Pertanto, è importante tenere conto dello stile del berretto prima di effettuare un acquisto.

Misurazione per un berretto

Il modo più accurato per misurare un berretto è provarlo prima di effettuare un acquisto. Tuttavia, questa non è sempre un’opzione poiché i rivenditori online potrebbero non offrire questo servizio. In questo caso, la misurazione in base alla circonferenza della testa è la soluzione migliore. Per misurare, è necessario posizionare un metro a nastro attorno all’intera testa, evitando i peli del viso poiché ciò potrebbe influire sulla precisione. La misurazione dovrebbe essere presa nel punto più largo della testa, che di solito è proprio sopra le orecchie.

Una volta determinata la taglia, la cuffia deve essere posizionata delicatamente sulla testa e regolata secondo necessità. Se il cappello è uno snapback o a 5 pannelli, la cinghia regolabile deve essere allentata prima di indossarlo e poi serrata una volta che il cappello è a posto. Con un cappello da camionista, la toppa deve essere stretta contro la testa e quindi adattata alla vestibilità desiderata. Non importa quale tipo di cappello, è importante assicurarsi che aderisca perfettamente ma sia comodo.

Se il berretto della misura giusta non è disponibile, un berretto di taglia universale o con cinturino regolabile potrebbe essere un’opzione. Di solito sono di taglia unica e sono regolabili. Tuttavia, potrebbero non offrire lo stesso livello di comfort di un berretto di dimensioni personalizzate.

Protezione dal sole

Oltre a proteggere la testa e il viso dal sole, un buon berretto può anche aiutare a proteggere gli occhi dalla luce abbagliante e dai raggi ultravioletti. I berretti da baseball in genere hanno una larghezza di 3-4 pollici, sufficiente per ombreggiare gli occhi e le sopracciglia, mentre i berretti a 5 pannelli consentono una copertura leggermente maggiore. I cappelli da camionista di solito hanno una visiera leggermente più lunga di 4-5 pollici che fornisce una protezione solare molto maggiore per il viso.

È importante notare che la visiera del berretto dovrebbe essere sufficientemente bassa da fornire una buona copertura per gli occhi, ma non così bassa da limitare il campo visivo. Pertanto, il cappuccio dovrebbe aderire comodamente alla testa e non essere spinto troppo in basso. Inoltre è importante verificare che la calotta sia realizzata in un materiale in grado di bloccare i raggi solari.

Oltre al tipo di berretto, anche il colore e il motivo del berretto giocano un ruolo nella protezione dal sole. I colori più scuri e opachi tendono ad assorbire più luce solare rispetto ai colori più chiari e lucidi. Esistono anche diversi tipi di berretti con materiali speciali progettati per filtrare maggiormente i raggi del sole, rendendoli una scelta eccellente per le attività o gli sport all’aria aperta.

Considerazioni stagionali

Quando si sceglie un berretto, è importante considerare la stagione. Per la stagione fredda, di solito si consiglia un berretto più pesante e aderente poiché aiuta a intrappolare il calore e fornire una buona copertura per la testa. Al contrario, durante i mesi più caldi, è preferibile un berretto più leggero e dalla vestibilità più ampia. I tessuti più leggeri sono più traspiranti e più adatti alle temperature calde.

In alcuni casi, il cappuccio può essere utilizzato in più impostazioni. In questo caso, un berretto leggero e regolabile può essere l’opzione migliore poiché può essere indossato sia all’interno che all’esterno a seconda della situazione. Inoltre, può essere regolato per fornire una vestibilità ampia o aderente a seconda del tempo.

Fattori durante il lavaggio

La pulizia del cappuccio è un processo delicato e deve essere eseguito con cura per preservare l’integrità del cappuccio e del tessuto. I cappelli realizzati in misto cotone e poliestere possono solitamente essere lavati in lavatrice e asciugati all’aria. Tuttavia, i tessuti speciali progettati per bloccare i raggi del sole possono essere delicati e richiedono un lavaggio delicato a mano e devono essere asciugati in piano o appesi su una corda.

È inoltre importante notare che alcuni tappi si restringono dopo il lavaggio, quindi è importante leggere attentamente le istruzioni di lavaggio. La maggior parte dei tappi è in grado di sopportare temperature basse durante l’asciugatura, ma alcuni materiali potrebbero richiedere solo l’asciugatura all’aria. Inoltre sono da evitare trattamenti particolari come ammorbidenti e/o candeggina perché potrebbero danneggiare il tessuto.

Quando sostituire un tappo

Se il cappuccio inizia ad allentarsi o non si adatta bene, potrebbe essere il momento di sostituirlo. Ciò è particolarmente vero se il berretto ha perso la sua forma o è visibilmente consumato. Sostituire il berretto con uno nuovo può ripristinare la vestibilità e l’aspetto e offrire una maggiore protezione dal sole. I cappelli dovrebbero essere sostituiti anche se il tessuto inizia a rompersi a causa dell’usura o se il berretto è stato indossato più volte senza essere lavato.

Infine, è importante assicurarsi che il cappuccio sostitutivo sia della misura giusta. Se possibile, prova il berretto prima di effettuare un acquisto. Se il berretto non si adatta correttamente, potrebbe essere meglio cercare uno stile o una dimensione diversa.

Conclusione

La dimensione è un fattore importante da considerare quando si sceglie un berretto. È importante scegliere un berretto che vesta comodamente ma che offra anche protezione dal sole. Pertanto, al momento dell’acquisto è necessario tenere conto del tipo di berretto, della circonferenza della testa e della dimensione delle orecchie. Inoltre bisogna considerare anche la stagione e il tipo di tessuto. Infine, quando è il momento di sostituire un cappuccio, è importante assicurarsi che il nuovo cappuccio sia della misura giusta e si adatti correttamente.

Debi Davis

Debi J. Davis è un'appassionata ed esperta amante dei cappelli con oltre 20 anni di esperienza nel settore della moda. Ha lavorato per molti anni nel settore della modisteria, imparando il mestiere di cappellaio da suo padre, anch'egli modista. Ha scritto molto sui cappelli, inclusi articoli per riviste e blog.

Lascia un commento